Novembre 2018

 
Bibliografie Mobili nei Secoli Recensioni Archivio Articoli Chi siamo Links info@

 

Scultura

Angeli lombardi senz’ali

Difficile che antiche statue lapidee di Angeli senz’ali possano suscitare interesse più di tanto per l’assenza di questi attributi pur connaturati all’iconografia del soggetto. Trattandosi di parti spesso vulnerabili o non abbastanza saldamente aggregate al corpo, se non addirittura di complementi in altro materiale, come legno o metallo, si è portati a pensare che la lacuna sia il risultato di traumi occorsi nel secolare vissuto dell’opera, in tal caso contrassegnata da fratture, rilavorazioni o innesti sul dorso (Continua.....)

  Dipinti

Intorno alla Vergine Del Rosario nella parrocchiale di Arolo

Gli stretti legami tra la tela raffigurante San Francesco e il beato Carlo Borroeo in preghiera davanti alla statua dell'Assunta di San Celso a Milano, dipinta da Giovan Battista Crespi detto il Cerano prima del 1610, ora alla Galleria Sabauda di Torino e la tela della Madonna del Rosario che si conserva presso la parrocchiale di Arolo di Leggiuno (Va) fanno credere di pote attribuire anche questo secondo dipinto al Cerano o alla sua bottega.
(Leggi)

  Mobili in generale

La poltroncina cinese

Nei corsi sul mobile antico che mi capita di tenere mostro volentieri come esercitazione stilistica una piccola poltrona che, lo dirò subito, è un sedile italiano prodotto attorno agli anni Venti del Novecento che si accompagnava nelle camere alle cosiddette toilette, ossia piccoli tavoli dotati di specchiera (Continua.....)

  Placchette in bronzo

La Flagellazione del Moderno (segue)

Esaminiamo nuovamente la placchetta del Moderno raffigurante la Flagellazione, già oggetto di un precedente articolo. Dopo esserci soffermati sulla figura del Cristo, affrontiamo il tema delle fonti iconografiche che possono aver ispirato le due figure di flagellatori (Continua.....)

 
 

 

 
 



 

Sandro Botticelli, Le Storie di Virginia (particolare),
tempera su tavola cm. 86 x 165, 1500-1510 circa,
Bergamo, Accademia Carrara.

Le storie di Botticelli tra Boston e Bergamo

mostra a cura di Maria Cristina Rodeschini e Patrizia Zambrano

Bergamo

Accademia Carrara

12 ottobre 2018 – 28 gennaio 2019


La mostra riunisce le Storie di Virginia dell'Accademia Carrara alle Storie di Virginia dell’Isabella Stewart Gardner Museum di Boston, dipinte da Botticelli tra il 1500 e il 1510 e separate nel corso dell’Ottocento.
L’eccezionale ricongiungimento è l'occasione per valorizzare in mostra altri due dipinti di Botticelli sempre a Bergamo: il Ritratto di Giuliano de’ Medici (1478-1480 circa) e il Vir dolorum (1495-1500 circa.

Catalogo Officina Libraria con testi di:
Maria Cristina Rodeschini, Patrizia Zambrano, Nathaniel Silver, Elsa Filosa,Gianfranco Pocobene, Rosella Lari, Francesco Caglioti, Ana De Benedetti, Paolo Sachet.

 

Chi pensa che l'immigrazione non faccia bene all'Italia
è un perdente.