Febbraio 2019

 
Bibliografie Mobili nei Secoli Recensioni Archivio Articoli Chi siamo Links info@

 

SPECIALE PLACCHETTE IN BRONZO

Placchetta in bronzo con scena bacchica

Presso la Collezione Cagnola di Gazzada (Va) si conservano ben due esemplari di una placchetta in bronzo raffigurante una scena bacchica. Il personaggio centrale è Sileno, riconoscibile perché in sovrappeso e in stato di ebrezza, circondato da satiri a cui si aggiungono una donna discinta (una baccante?) che suona il tamburello e alcuni amorini giocosi, intenti a far saltare una capra in un cerchio (Continua.....)

   

Fonte da o per il Moderno

La ricerca delle fonti antiche che possono aver ispirato le placchette in bronzo del Rinascimento è un esercizio in cui gli studiosi del genere si cimentano costantemente. In un volume di René Mènard dal titolo La Mytologie dans l’art ancien et moderne, pubblicato presso Delagrave a Parigi nel 1878, ho reperito l’immagine di un combattimento (Continua.....)

   

La Medusa “di Leonardo” tradotta in bronzo

All'interno dell'imponente collezione di placchette in bronzo del Museo d'Arte Antica di palazzo Madama a Torino si trova un rilievo che raffigura una testa di Medusa, identificata come il prodotto di un ignoto artefice, eseguita presumibilmente nel corso del XVII secolo (Continua.....)

   

Una placchetta in bronzo di Gaspare Napoletano, alias romano, alias da Padova

Sul numero di maggio del lontano 1902 della rivista Rassegna d'Arte compare la riproduzione di  una placchetta, raffigurante san Gerolamo, corredata dalla seguente didascalia: “Museo di Berlino. Placchetta di Gaspare Napoletano esprimente San Girolamo. Nella placchetta, in alto a sinistra, compare a rilievo la scritta OPUS GASPARUS NEAPOLITANUS (Continua.....)

 

 

 
 



 

 

“Avvertenze necessarie e profittevoli a'
bibliotecari e agli amatori di buoni libri”

mostra a cura di Isabella Fiorentini,
con Loredana Minenna e Stefano Dalla Via

Il titolo della mostra è lo stesso di un piccolo dizionario destinato agli amatori di libri che Gaetano Volpi (1689-1761), editore erudito nella Padova del XVIII secolo, pubblicava nel 1756. Sono esposti diversi volumi, realizzati dall'VIII al XVIII secolo, provenienti dalle raccolte civiche milanesi.

Milano, Castello Sforzesco
Sala del Tesoro
21 dicembre 2018 – 14 aprile 2019

9.00-17.30 (lunedì chiuso) Ingresso libero

c.ascbibliotrivulziana@comune.milano.it