Turismo d'arte

Nazario e Celso, la sistina delle risaie

    Pubblicato il 1 dic. 2011  
Vercelli merita sicuramente una visita, ma molto più difficile da scoprire e conoscere è la piccola parrocchiale di Quinto Vercellese intitolata ai santi Nazario e Celso, esempio di architettura di transizione tra romanico e gotico, la stessa che caratterizza sant'Andrea, emblema di Vercelli. La navata centrale, un tempo a botte, era parte di un edificio attestato già nel X secolo, successivamente è stata aggiunta la navata sinistra e infine, in epoca gotica (XV secolo), la navata destra. La base del campanile è di epoca romanica ma ciò che oggi svetta è stato eretto nel XVI secolo. Il principale motivo di interesse è però costituito da una serie di affreschi di scuola locale (vercellese e novarese) eseguiti durante il XV e XVI secolo, che sono stati restaurati, ma sono ancora in attesa di essere studiati. La chiesa apre solo in occasione della messa e di altre funzioni; è perciò indispensabile concordare la visita con il parroco (0161 274160, 347 1310000).
Quinto si trova a circa 7 chilometri da Vercelli sulla strada che conduce a Biella. Vi si trova anche il castello della famiglia Avogadro, in parte risalente al XII e XIII secolo, attualmente di proprietà del Comune di Vercelli (info: 0161 274113) e visitabile solo all'esterno .
 


Per una pausa gastronomica, consigliamo di proseguire in direzione di Biella; dopo essersi lasciati sulla destra l'abitato di Formigliana, senza abbandonare la strada si giunge in località Fornace Crocicchio (sempre in comune di Formigliana) dove si trova l'albergo ristorante bar “Da Ovidio” (0161-858081-91). Il colore blu sgargiante delle pareti esterne lo fa assomigliare ad un night club e l'offerta di un menu a prezzo fisso esposta all'ingresso potrebbe far storcere il naso (siamo in provincia e questi posti campano anche con le ditte e i viaggiatori di commercio), ma l'interno è accogliente, il servizio accurato, il menù “alla carta” interessante e la cucina del territorio ottima con prezzi modici. Da provare.

 
       
© riproduzione riservata