Il Libro del Mese

Un esempio di come un buon libro, di grande interesse per che studia gli arredi lignei, non sia facilmente accessibile al pubblico, se non attraverso ricerche complesse e mirate. Realizzato con il contributo di Unimpresa, il volume di Chiarenza parte dall’analisi del repertorio figurativo offerto dalle tarsie lignee e si focalizza sugli intarsi che rappresentano contesti urbani, non solo città reali, ma anche - e forse più spesso - città immaginarie Attraverso il ricorso a rigorosi procedimenti geometrici, l’autore perviene ad una ricostruzione critica dei contesti urbani e delle architetture intarsiate, restituendo in originali tavole grafiche la consistenza reale di questi spazi virtuali. L’ultima parte è dedicata alle tarsie lignee nella Sacrestia della Certosa di S. Martino a Napoli, ultimo straordinario episodio dell’iconografia prospettica legata alla tecnica della tarsia. La ricerca storico-iconografica così condotta permette di riconoscere per la prima volta il profondo legame tra le tarsie napoletane e le ricerche di Hans Vredeman de Vries (Leeuwarden in Frisia 1527- Anversa 1606 circa), architetto, pittore e incisore e studioso di prospettiva.

Eccone il sommario:
  - Introduzione
  - Lo spazio immaginario (la prospettiva)
  - La tarsia lignea
  - La rappresentazione della città nella tarsia lignea
  - Rappresentazione in legno e realtà architettonica
  - Le tarsie lignee nella Certosa di S. Martino a Napoli


Stefano Chiarenza, Architettura e spazio nelle città intarsiate.
Giannini Editore per Unimpresa, Napoli 2006, 172 pagine
formato 21x27   euro 18 (comprese le spese postali)

Per ordinarlo:
www.unimpresa.org, vedi alla voce Editoria
oppure
g.fortunato@unimpresa.org


   
:: Home ::
Per approfondimenti: info@antiqua.mi.it